DEADNECK – “LEVITATION”

levitation

Coordinate: 61°07′05″N 28°30′35″E; Abitanti: 10.849; Regione: Carelia meridionale. Tutto si poteva immaginare, ma niente che facesse pensare che dalla lontana Joutseno, dal 2009 confluita nel comune di Lappeenranta, potesse giungere un autentico capolavoro di Blues Doom e Stoner come quello realizzato dai cinque ragazzi che fanno capo ai Deadneck.

Che la Scandinavia fosse fucina del metal-rock più estremo non è certo notizia di oggi, ma che Aleksi, Vesa, Sauli, Ville e Mika riuscissero nell’impresa di mettere insieme 6 brani di tale portata, dove il Blues potesse assorbire la fredda cultura finnica, davvero non ce lo aspettavamo.
E alla sorpresa, gradita, si è aggiunto un viscerale senso di appartenenza a quanto i Deadneck sono riusciti a proporre.

I primi nove minuti, comprensivi di “Intro” e della prima parte di “Sleepless”, vi faranno comprendere che il nostro dire non è campato per aria. La voce di Aleksi Laakso sarà poi la chicca che farà di questo EP qualcosa di veramente unico. Sulle tonalità di John Garcia (si avete letto bene), il vocalist della band amalgamerà un sound che vi rimarrà appiccicato addosso come resina sugli alberi.

Con “(Born To) Follow”, uscito anche in versione single come lancio dell’intera opera, si inizierà a fare sul serio, e l’insonnia dei primi tredici minuti la ringrazierete come poche volte avete fatto nella vita.
Lo Stoner in pieno stile Kyuss vi farà domandare: ma siamo sicuri che questi siano finlandesi e non esseri umani sfuggiti per puro caso alla Palm Desert di fine anni ’80? Si, è confermato, i cinque ragazzi finlandesi hanno nelle vene sangue caldo californiano, e la “botta” che vi daranno la sentirete in ogni centimetro della pelle.
A questo punto vi sentirete pronti per seguirli, e chiudendo gli occhi vi immergerete senza paura nella psichedelica “Crimson Sky”, un viaggio di sola andata tra sonorità psycho-fuzz ancora una volta avvolte dalla graffiante e calda voce di Aleksi.
E se i riffs della Gibson Les Paul Classic Goldtop di Josh Homme vi sembravano qualcosa di inavvicinabile, quanto sono riusci a canalizzare Sauli Purhonen e Ville Priha vi farà credere che un Dio esiste per davvero.

Ora preparatevi a godere delle due tracce di chiusura, due salti carpiati che vi spingeranno, anche foste da soli, a pogare come se non ci fosse un domani. “Somersault”, come la precedente “(Born To) Follow”, vi riporterà in quel meraviglioso periodo dove il quartetto californiano ci fece davvero credere che il Rock era più vivo che mai, creando qualcosa che come i classici degli anni ’70 ha segnato per sempre le generazioni a venire.

L’ennesima meraviglia di psichedelia che vivrete in “Back On Top” sarà l’inno dell’intero EP, manifesto elitario di un genere destinato a mantenere viva la voglia di fare e di ascoltare, cultura da tramandare ai posteri.
La lievitazione di questa opera è riuscita in ogni sua piega e la voglia di ricominciare dall’inizio sarà più forte di ogni vostro più nascosto desiderio.

Levitation
by Deadneck

1. Intro 03:49
2. Sleepless 09:44
3. (Born To) Follow 05:21
4. Crimson Sky 08:47
5. Somersault 04:38
6. Back On Top 07:36

Official Site
released February 25, 2017

Recorded, mixed & mastered at Tainted Studio (taintedstudio) by Jarkko Mattheiszen
Cover by Aki Pitkänen / Narikka Photography (narikkaphoto)

Aleksi Laakso – Vocals
Vesa Toivanen – Bass
Sauli Purhonen – Guitar
Ville Priha – Guitar
Mika Räsänen – Drums

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...