CLOUD CATCHER – “TRAILS OF KOZMIC DUST”

Trails Of Kozmic Dust

Il “gioco” proposto da Rory, Kam e Jared è figlio di quel meraviglioso paesaggio che sorge sull’altipiano ad Est delle Montagne Rocciose. Da lì, guardando verso Ovest, si può vivere di sola immaginazione, lasciando agli occhi la possibilità di dissetarsi dell’infinito.
Ed è proprio da “Mile-High City” che nel 2013 nasce il progetto Cloud Catcher, il trio del Colorado che nell’arco di pochi anni è diventato un vero e proprio punto di riferimento di tutto il movimento Heavy del Centennial State.

Non è nemmeno un caso che il motto del Colorado, “Nil sine numine”, riporti a quell’occhio vigile stampato sullo stemma dello stato federato degli Stati Uniti d’America, simbolo di psichedelia e attento scrutatore del cielo e della terra.
La frase latina, inoltre, sembra essere un adattamento all’Eneide di Virgilio, dove nel Libro II, linea 777, le parole “non haec sine numine divum eveniunt”, fanno eco ai “cacciatori di nuvole”.
Insindacabile dunque che Trails Of Kozmic Dust non nasca senza il potere degli Dei, quelli a cui si sono rivolti e ispirati Rory, Kam e Jared per realizzare una delle più belle opere di questo 2017.

Non ci sono limiti nell’ascolto dei quarantatré minuti del secondo lavoro della band di Denver, seguito logico di “Enlightened Beyond Existence”.
Rispetto al primo lavoro si va ben oltre l’esistenza, approdando in spazi infiniti dove le contaminazioni Blues e Rock Anni ’70 fanno si che i confini, sonori e spirituali, si autodistruggano per lasciare ampiezza a sogni e fantasie.

La open track, “Astral Warlord”, è la chiave di svolta dell’intera opera. Inserita nell’apposito spazio vi aprirà un mondo, facendovi entrare all’interno delle note fluidificate con sapienza dai tre ragazzi del Colorado.
L’impatto sarà notevole, facendovi credere che questa band sia sulla breccia da chissà quanto tempo. Il tocco Jazz della batteria di Jared Soloman Handman, unito allo scambio continuo dei riffs della chitarra di Rory Rummings e del basso di Kam Wentworth vi farà comprendere immediatamente di essere all’ascolto di qualcosa di speciale. Non a caso la condivisione del palco con gruppi del calibro di Acid King, Dead Meadow, Rival Sons e Lord Dying testimonia ampiamente il talento della band.

Con “Celestial Empress” prosegue il cammino tra i classici degli Anni ’70, con spiccate sfumature hendrixiane e quelle dinamiche Heavy che portano l’ascoltatore a cercare la manetta del volume per portarla ai massimi. Questo sarà inevitabilmente il filo conduttore dell’intero album. Le molteplici tendenze musicali alle quali si sono aggrappati i Cloud Catcher hanno fatto di “Trails Of Kozmic Dust” un mind-bending trip, e “Beyond The Electric Sun” ne è la prova provata.
Il riff di basso, presto seguito da quello di chitarra, vi trascinerà ipnotizzati, e voi, senza colpo ferire, vi lascerete andare al più mistico dei viaggi, fino a quando i vari assoli non vi proietteranno a colpi di wah-wah in quella che fu l’era dove tutto ebbe inizio.

Da “Dimensional Interlude”, cuore dell’album, il viaggio rallenta, facendoci godere di momenti e attimi in cui il tempo sembra essersi fermato. Interessante e stimolante prova di maturità della band, capace di spaziare agevolmente tra ritmi meno accentuati ma non per questo privi di sostanza.
Sul finire di “Vision”, Rory Rummings si lascia andare ad assoli visionari, accompagnati da un canto liberatorio che introduce verso la parte conclusiva dell’opera.

La track omonima dell’album, “Trails Of Kozmic Dust”, è un misto Doom-Psych di pregevole fattura, perfetto aperitivo di quella che riteniamo per distacco la traccia più significativa e completa di tutto l’album.
Qui tocca fermarci, sostare, prenderci una pausa.
“Super Acid Magick” è la sintesi perfetta di quello che i tre ragazzi del Colorado volevano offrirci.
Buttate tranquillamente nel cesso inibizioni, paure, angosce, qualsiasi senso di pudore che possa ancora fare parte di voi.
Spogliatevi di tutto quello che avete, fate del vostro corpo l’unica arma con cui affrontare il mondo, con cui proporvi e disporvi davanti agli altri. Davanti al vostro uomo, davanti alla vostra donna, di fronte ad un mondo che non avreste voluto ma che quotidianamente dovete combattere.
Sarà un’esperienza indimenticabile e soprattutto non fine a se stessa.

La blueseggiante “Righteous Ruler” farà da collante al viaggio appena intrapreso e capirete immediatamente che i Cloud Catcher non vi avranno tradito, non vi avranno lasciato in mezzo ad una strada.
Anzi, presi per mano vi faranno godere all’estremo quei paesaggi dai quali provengono, e per un attimo, anche fosse solo uno, guardando verso Ovest, la vostra immaginazione si disseterà dell’infinito. Dell’incommensurabile spazio che oggi appartiene ad una delle band più geniali ed influenti dell’intero panorama statunitense.

by Joe Zagari

Trails Of Kozmic Dust
by Cloud Catcher

1. Astral Warlord 05:31
2. Celestial Empress 05:41
3. Beyond The Electric Sun 07:06
4. Dimensional Interlude 01:03
5. Visions 04:28
6. Trails Of Kozmic Dust 06:21
7. Super Acid Magick 03:34
8. Righteous Ruler 05:42

Official Site
released March 11, 2017

Produced and Engineered by Cody Tarbell
Mastered by Tony Reed at Heavy Head Studios
Album art by Adam Burke of Nightjar Illustration
Released on Totem Cat Records

Rory Rummings – Guitar and Vocals
Kam Wentworth – Bass and Vocals
Jared Soloman Handman – Drums

March 2017 Tour Dates
Saturday March 11th Denver, CO HI-DIVE
Sunday March 12th Colorado Springs, TRIPLE NICKEL TAVERN
Monday March 13th Santa Fe, NM THE UNDERGROUND AT EVANGELO’S
Tuesday March 14th Ft. Worth, TX THE BOILED OWL
Wednesday March 15th Austin, TX SPIDERHOUSE BALLROOM
Friday March 17th Ft. Worth, TX THE GROTTO
Saturday March 18th San Antonio, TX FAUST TAVERN
Sunday March 19th Houston, TX SATELLITE BAR
Tuesday March 21st Memphis, TN GROWLERS
Wednesday March 22nd Columbus, OH CAFE BOURBON STREET
Thursday March 23rd Ft. Wayne, IN BRASS RAIL
Friday March 24th Detroit, MI SMALL’S
Saturday March 25th Chicago, IL LIVEWIRE
Sunday March 26th Milwaukee, WI RIVERWEST PUBLIC HOUSE
Monday March 27th Lawrence, KS REPLAY LOUNGE
Tuesday March 28th Denver, CO MOONROOM

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...