3D LAND

3D Land

Il più delle volte ci capita di abbracciare un buon progetto con fare da lupi, affamati e impulsivi seguiamo l’ipnosi lunare dettata dalle note in ascolto e su quella scia muoviamo i nostri pensieri.

Nel caso di Meth Elvis, direttamente dalla Finlandia, l’approccio è decisamente più felino, meno irruenti e soprattutto frettolosi abbiamo “spizzicato” poco per volta le pietanze offerte, gustandoci il sapore e calibrandone ogni giudizio con le tipiche movenze di un gatto pronto alle coccole.

Siam dovuti ritornare più volte su alcune tracce, diffidenti all’inizio ma letteralmente invaghiti alla fine, convincendoci sempre di più di aver davanti un vero talento, fuori dagli schemi. E se all’inizio potrebbe sembrare anche a voi di avere a che fare con qualcosa di già sentito, vi invitiamo caldamente ad approcciarvi con la stessa indole e a ricredervi strada facendo.

A mettere a proprio agio ci pensa inizialmente proprio la traccia in apertura, Mostly The Voices con un fare timidamente scandito nei tempi e nelle strofe ben cadenzate. La voce poi ha un imprinting immediato di pura fiducia, limpida e pulita non presenta elementi di disturbo. Un rock apparentemente leggero, sonorità accomodanti e nulla che “sconvolga” i sensi.

Ma se i primi minuti potevano sembrare prevedibili, la scossa arriva con Walk Slash Run. Tendenzialmente sul vero e proprio versante Stoner, fin dai primi secondi viene avvertita come una carezza contro pelo, capace di farti rizzare sulle zampe di scatto. Veloce, senza pause, il piacere e la calma lasciano la scena alla pura adrenalina che entra in circolo. Solo verso la fine ritorna il tocco delicato avvertito all’inizio, dove le note prendono la strada del versante psichedelico e scema la tensione in favore di una ben più calma sensazione avvolgente.

Encomium e Peter fanno da colonne portanti l’intero progetto. Sono pezzi solidi e ben costruiti, meticolosamente studiati e di certo molto più imponenti delle tracce che sembrano custodire in mezzo (3D Land e Life in Quicksand). Come delle rocce sono ben fissate nel terreno di uno Stoner Rock dai connotati massicci e tendenti quasi al Doom nelle ritmiche, ma le sonorità sono certamente più attualizzate e con influenze Grunge riconducibili facilmente ai ben più noti Alice in Chains; ritrovate in maniera compulsiva anche nella penultima Safety Reasons.

Come accennato sopra, i due diamanti 3D Land e Life in Quicksand sbucano fuori luccicando e ammaliando. Qui invece l’ascolto si fa comodo, molto più veloce ad entrare in testa rispetto alle due tracce citate precedentemente. Destano immediata curiosità felina e ci si avvicina a passi felpati. Il Grunge è di nuovo protagonista, sia nei suoi appellativi classici che accompagnato da sperimentazioni Stoner con cui si amalgama alla perfezione. È questo che ha suscitato la nostra più entusiasta convinzione di aver di fronte qualcosa di nuovo e capace di infondere quel senso appagante che solo qualcuno con vero talento riuscirebbe a dare. Non si tratta solo di tracce complete e mature, ma hanno quella strana luce che nell’immediato riesce a catturare l’interesse verso un ascolto sperimentale e innovativo.

La stessa luce che traspare in P.C.A.G. e Revenge articolate sulla stessa frequenza e giostrate sulle stesse influenze sopra citate. Solo si fanno più cupe nelle parti centrali e sembra quasi sfiorare gli Anni ’90 nelle fasi adolescenziali di chiusura e spontanea ribellione in camicia di flanella. Ma conservano quel tocco delicato capace di riposizionare il giudizio su tematiche decisamente più tecniche e sperimentali azzardando un collegamento in alcuni punti dell’utilizzo dei riffs di chitarra che rimandano all’eclettico Buckethead.

Un ascolto altalenante dunque, che passa da momenti di stupore a incredulo piacere. Non si procede a tentativi ma a veri e propri attacchi giocosi come solo un gatto sa fare. Ottimo risultato finale.

by Anna Pepi

3D Land
by Meth Elvis

1. Mostly The Voices 03:43
2. Walk Slash Run 03:01
3. Encomium 04:40
4. 3D Land 03:52
5. Life In Quicksand 04:08
6. Peter 04:00
7. P.C.A.G. 03:38
8. Safety Reasons 03:40
9. Revenge 03:38

Official Site
released on March 18, 2017

The first recording by Meth Elvis. Done in the first months of 2017.
Antti Väärälä did everything on this recording.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...