ALLIE’S MASS – “ALLIE’S MASS”

Allie's Mass

Provenienti da Aragon, Spagna, gli Allie’s Mass fanno il loro debutto discografico con un’opera che trasuda di stoner doom dal principio alla fine.

Una band praticamente sconosciuta, formata, secondo le ultime ricostruzioni, nell’ultimo periodo storico, e che come un fulmine a ciel sereno è piombata all’interno dei nostri apparecchi uditivi per portarci una ventata di stoner doom dai riffs lenti ed esasperati con una sapiente introduzione di hammond che ha reso questo EP di debutto un’altra interessante proposta all’interno di un genere che non conosce più limiti e confini.

La open track, Little Allie, si presenta immediatamente come colonna portante dell’intera opera. Uscita sui canali You Tube circa quattro mesi fa, ha fatto da “marchetta” in attesa dell’uscita dell’intero Ep.
Una traccia che segna immediatamente il mood dei ragazzi spagnoli, dove la profondità del riffs proposto ed un suono caldo e viscerale come la terra di provenienza si sono miscelati in chiusura con il suono dell’hammond.

Slept, dall’intro psychedelic, ricalca fortemente la traccia d’apertura, con i riffs a farla ancora da padroni segnati dall’influenza stoner. Interessante come nel brano d’apertura il timbro vocale proposto. Malinconico, si snoda amabilmente tra le note proposte, esaltando se mai ce ne fosse stato bisogno un sound che dopo appena undici minuti è già entrato a far parte dei nostri sensi uditivi, come se sempre ci fosse stato.

Questa sicuramente una delle particolarità che ci hanno colpito della band. Un’idea ben precisa e senza tanti cazzi. Nulla di profondamente nuovo ma un lavoro concepito e poi portato alla luce con grande consapevolezza.
A precedere Woman ci ha pensato una chiusura di Slept dai chiari contenuti space rock, inseriti con attenzione e senza snaturare l’idea di base.
Idea originale per inserire la più fangosa, lugubre e appiccicosa delle cinque tracce proposte. Woman è un brano che corrisponde perfettamente al titolo che porta. Da una parte il lato più oscuro, nascosto, quasi ultraterreno, dall’altra la sensorialità, la sensualità.
Il tutto tenuto in piedi, in entrambi i casi, da una serie di riffs che sapranno ipnotizzare, ammaliare, fare emergere l’anima di chi avrà voglia di perdersi senza freni dentro i sei minuti della traccia che più d’ogni altra abbiamo amato.

Second Chapter, che al primo tocco potrebbe sembrare riempitiva, prosegue nel mood il brano precedente, con una parte centrale a base stoner che si perde in un’assolo struggente che la rende parte integrante dell’intera opera.
Con (88 8888 888), drammatica e conclusiva traccia dell’Ep, si chiude questo primo capitolo degli Allie’s Mass, un racconto che ha saputo introdurci all’interno di una band capace di stupirci e di farci gustare in una chiave diversa un genere per il quale passione e tempo mai saranno abbastanza.

by Joe Zagari

Allie’s Mass
by Allie’s Mass

1. Little Allie 04:57
2. Slept 07:52
3. Woman 06:18
4. Second Chapter 07:47
5. (88 8888 888) 02:50

Official Site
released March 2, 2017

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...